Torta Tenerina ferrarese

Ingredienti per uno stampo da 23 cm di diametro

200g Cioccolato fondente, 100g Burro ammorbidito e tagliato a pezzetti, 4 Uova medie, 150g Zucchero, 50g Farina 00, Zucchero a velo per spolverizzare

Preparazione:

Triturare finemente il cioccolato (uso quello della Lindt nella carta argentata) e trasferire in una ciotola posta a bagnomaria in un tegame, facendo attenzione che l’acqua non entri a contatto con la cioccolata, sciogliere mescolando di continuo. Appena sciolto e non troppo caldo, aggiungere il burro, assicurandosi che ogni pezzetto sia sciolto prima di unire il successivo.

Continuare a mescolare per evitare che la temperatura salga e il burro si separi. Una volta mescolato tutto il burro, spegnere e lasciare intiepidire, mescolando di tanto in tanto.

Nel frattempo separare i tuorli dagli albumi in due ciotole differenti e capienti e montare i bianchi a neve fermissima aggiungendo metà dello zucchero poi tenuto da parte. Il restante zucchero va aggiunto ai tuorli e montato a velocità moderata per ottenere un composto spumoso e chiaro. A questo punto prendere il cioccolato ormai tiepido e aggiungere a filo ai tuorli sbattuti, continuando a sbatterli con le fruste fino a rendere il tutto uniforme.

Accendere il forno statico a 180° per farlo arrivare a temperatura, riprendere gli albumi montati a neve e aggiungerli con un cucchiaio a più riprese, prima 1/3, mescolandolo con una frusta o una spatola e poi incorporando il delicatamente con movimenti dal basso verso l’alto.

Per ultimo incorporare la farina a pioggia e mescolarlo con una spatola proseguendo sempre con movimenti delicati per non smontare gli albumi, fino ad ottenere un composto liscio ed uniforme.

Prendere lo stampo per la torta e imburrarlo e infarinarlo, il mio è in silicone ma questa operazione la faccio comunque perché la torta si sforma meglio, versare all’interno l’impasto e mettere in forno già preriscaldato per 35 minuti. La ricetta da cui l’ho copiata diceva 30 minuti ma con il mio forno 5 minuti in più sono indispensabili. La funzione ventilata invece non va bene perché si cuoce poco dentro e troppo fuori.

Terminato il tempo di cottura, aprire leggermente lo sportello del forno e attendere 5 minuti prima di estrarre la torta poi appoggiarla su un ripiano. La particolarità di questo dolce è che si forma una crosticina sopra buonissima ed è la ragione per cui lo stampo ideale è quello a cerniera, altrimenti si danneggerebbe nell’estrazione.

Una volta intiepidita, cospargela di zucchero a velo.

Si conserva anche 3/4 giorni sotto una campana di vetro, ma a casa mia non dura mai tanto… e si può congelare.

Per un risultato ancora più intenso, la prossima volta spolverizzo la torta con del cacao prima dello zucchero a velo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...