Spicchio di luna


Una volta la felicità era dietro un angolo e oggi è sopra un albero. Se già era difficile prima camminare tra le strade e capire per tempo fino a quale angolo spingersi per poi girarlo lentamente e con attenzione per non farsi scappare l’occasione giusta (sapendo che era più facile ritrovarsi in una piazza piuttosto che in un vicolo cieco, ma poteva sempre essere un bivio), figuriamoci oggi, che bisogna addirittura imparare ad arrampicarsi sugli alberi e prima ancora bisogna anche saperli riconoscere perché non sono tutti uguali.

Ci sono le querce, i castagni, i faggi, gli abeti, i pini, i cipressi, i lecci, gli aceri, i frassini, i salici, le betulle, i larici, i fichi, i ciliegi, i cachi, i peschi, le sequoie, i baobab, ecc. ecc.

Bisognerebbe essere esperti per saper riconoscere l’albero della felicità, qualcuno lo chiamava l’albero della cuccagna una volta, ricoperto di grasso per impedire di raggiungere la cima in cui stazionavano desiderate e agognate prelibatezze che ci si poteva solo sognare. Oggi il cibo si presenta a tutti in molteplici e squisite soluzioni, così che la cuccagna è divenuta ben altra. Una vacanza, un’auto, una cassa di monete d’oro, un momento di gloria.

Una volta saliti in cima all’albero è possibile chiedere la concessione di un sogno, un desiderio ardito ma importante e grintosamente difeso se si ha avuto il coraggio di arrampicarsi mani e piedi.

Spesso ciò che si desidera è troppo grande per chiunque, finendo per diventare come la luna e allora è inutile la ricerca dell’angolo o del legno giusto, il peso da reggere non permette tanto coraggio. L’unica possibilità è che non sia luna piena ma solo uno spicchio e gettare l’ancora sulla punta più esposta, sperando che qualche goccia di fortuna ci bagni almeno un po’ o riempia la coppa della felicità donandoci un pizzico di fortuna in più, quel tanto che basta per trovare un motivo in meno di lamentarci.

In fondo dall’alto le cose appaiono meno difficili di quel che sembra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.