Cuori e arti

Mi abbandono gloriosamente sul divano dopo 90 minuti di allenamento in palestra, godendomi il riposo del guerriero, in pacifico ascolto dei suoni provenienti dall’esterno.

Suoni di origine antropica purtroppo, niente che mi ricordi suggestivi momenti a contatto con la natura, come acqua di sorgente che scorre, stormi di uccelli di passaggio, foglie mosse dolcemente dalla brezza marina, anzi, intorno avverto solo rumori di motori accesi per la realizzazione di nuove costruzioni in muratura e il latrato di un cane bastardino convinto di essere minaccioso con il suo abbaiare fastidioso e continuo.

Il pensiero corre nonostante mi sforzi di ricacciarlo indietro, all’immagine di una vecchia amica lontana nel tempo e nello spazio che con il web raggiunge il mio cellulare mostrandosi nella sua realtà più cruda e violenta, così come appare adesso con i suoi traumi odierni che è costretta ad affrontare, perché appartengono a lei e lei soltanto può farcela.

Come si guarda la propria vita con un arto da amputare io non lo so ma lei sì perché è la sua vita che glielo sta insegnando ed io ripenso a lei sul Bravo che correva più veloce di me sul Ciao, che sognava l’Inghilterra, la vita da modella, ribelle a tutto e tutti, niente le bastava, tutto le era stretto…

Ha vissuto intensamente questi anni in cui io non riuscivo ad immaginare niente del suo presente, tanto distante dal mio, diverso nella voglia di conquistare mentre io cercavo di dimostrare.

La vita ti attende per metterti alla prova e mostrarti che sei pronta per operare quelle esperienze che spaventano chiunque ma toccano i pochi designati che vorrebbero farne a meno ma scappare non è tra le opzioni.

Quanto è carico quel sorriso che mostri per smentire gli avvoltoi e non ti nascondi e non nascondi la tua voglia di vivere al massimo senza mentirti mai.

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. ggaya ha detto:

    L’ho letto e ho pianto.
    Hai un modo di scrivere che emoziona, trafiggi l’anima quando racconti cose così brutte..

    Piace a 1 persona

    1. michiamomichela ha detto:

      Dire che mi hai regalato una vibrazione intensa non spiega quanto forte sia il brivido che ho provato leggendo il tuo commento. Grazie mille

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...