Alla ricerca di un’identità


I mulini a vento non rappresentano solo una battaglia vana, del tempo sprecato a rincorrere un’utopia, un sogno irrealizzabile, sono il concetto del tempo che non si ferma mai e perennemente chiede lo sforzo continuo di proseguire nel suo girare, incessante, senza sosta, freddo di fronte ai cambiamenti, come distaccato e imperturbato, imperturbabile.

Non ha momenti di sconforto la pala del mulino, non sente il senso di vuoto, non si lascia intimidire dalla prospettiva di muoversi all’infinito, prosegue nel suo salire e scendere circolare, benedicendo la terra e salutando il cielo, assorbendo gli odori e tutto quanto intorno, senza aspettarsi nulla in cambio e senza opporre resistenza alcuna.

Un’esistenza priva di qualsiasi ambizione personale, in totale dedizione verso il proprio compito, eseguito alla lettera, non voltandosi indietro verso un passato di rimpianti, né avanzando desideri di rivalsa.

Forse per questo suo mancato senso di emancipazione, liberazione dallo schiavismo meccanico, negazione del progresso, (quando progresso e tecnologia fu in un tempo lontano), fu visto come immagine di un mostro, dalla genialità assurda del personaggio di Cervantes, il Don Chisciotte?

Un uomo alla ricerca di un’identità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.