Gatto Marzio e la Gazza Ladra 12


«Sei impazzito?», fu la laconica affermazione di Novi quella mattina in negozio.
«Cioè?», Ernesto con le braccia in tensione per il peso delle cassette, voltò la testa verso l’entrata, il brigadiere scelto era sulla porta. «Spiegati meglio».
«In paese non si parla d’altro che di te e la tua rinuncia al record. Si sono iscritti ad oggi trenta partecipanti in più e altri quindici lo faranno entro domani. I “Leprotti di Valdés parteciperanno al completo, vale a dire in venticinque. E c’è addirittura un nuovo gruppo olandese, «Gli stambecchi secchi», sono curioso di vedere quanto arrampicano quelli. Cosa stai architettando, Alpino?».
«Lo saprai stasera… ci vediamo da me, Mauro cucina gli stinchi con il frico, avvisa i tuoi colleghi». Batté le mani sul bancone come se la conversazione fosse chiusa.
«A una settimana dalla gara, tu mangi polenta e frico con gli stinchi? Mi prendi in giro?». Commentò Novi.
Alpino gli fece l’occhiolino e il brigadiere si limitò a un cenno del capo, «avrò bisogno anche della tua squadra di soccorso alpino, se ho capito quello che hai in mente e Damiano torna domani, ha anticipato il rientro».
«Si può sapere cosa gli è successo?». Ormai moriva dalla voglia di scoprire dove era andata Alessia.
«Suo padre è morto, so solo che né lui né suo fratello l’avevano più visto dopo il divorzio, perciò è stato un brutto colpo». Infilò le mani in tasca per giocare con le chiavi.
«Suo fratello? Non saranno gemelli?». Un campanello d’allarme gli suonò in testa.
«Si come lo sai? Si chiama Cristiano, è carabiniere a Trieste». Indicò una mela sperando in un si che non venne, «cosa c’è? Hai fatto una faccia. Lo conosci?». La mela se la prese comunque e le diede un morso scrocchiante.
«No, non sapevo neppure che avesse un fratello, non so chi è suo padre, non me ne frega neanche un… beh! Ho da fare adesso. A stasera e le mele le devi pagare». Novi restò di stucco.
Ernesto era appena rientrato dal consueto allenamento del giovedì quando gli amici arrivarono. Si sedette a capotavola con un piatto di riso in bianco e qualche fetta di grana, acqua naturale e un panino con il San Daniele. Si sentirono tutti in colpa potendosi servire stinchi e frico, ma non si fecero pregare ed ebbero la certezza che Alpino non era cambiato: puntava all’Adventure Race come ogni anno.
«Cos’hai in mente, Alpino?», domandò serio Valter, «tu sai che controllare il punto 6 del Duron è impossibile, quindi il tuo piano è un altro». La luce negli occhi di Ernesto gli confermò l’esattezza della sua idea.
«Vi ho iscritti tutti alla gara, Bastiaan ha già preparato le divise, indossate sempre il cappellino e gli occhiali per non essere riconosciuti».
«Coooosa», all’unisono, «sei pazzo!?». Bastiaan rideva come al solito, Mauro muto, portò in tavola la crostata di more, qualcuno pensò di approfittare della roccambolesca novità per arraffare una fetta in più e qualcun altro protestò che quello era un ricatto.
«Non posso crederci…», Novi reggeva la maglia della squadra, il logo di uno stambecco nerd con il sorriso sbilenco e la scritta “Stambecchi secchi” era ben visibile al centro. «La metto solo se la metti tu». Commentò sarcastico.
«Certo! L’ho promesso a Bastiaan». Si alzò nell’ilarità generale per cercare qualcosa tra le cartine dei sentieri, «correranno sia lui che Mauro, ovviamente senza affrontare rischi. Adesso parliamo della corsa» e mostrò il percorso di gara. «Ma voi ve la sentite di aiutarmi?», fissò uno per uno negli occhi, tutti annuirono, «ecco il mio piano…» iniziò Ernesto colmo di gratitudine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.