Bocca di Leone


Stefi spruzzò una nuvola di spray e strofinò con l’ultima pagina del quotidiano. Richiuse senza lasciare ditate e si asciugò la fronte con il dorso della mano, la faccia si accartocciò in una smorfia buffa e starnutì. Indietreggiò di qualche passo per ammirare la pasticceria, urtò i tavolini centrali delle prime colazioni che tintinnarono, una…