La cicala.2


Michele toglie la chiave dal cruscotto e sospira. Il garage è buio, ma dal vialetto filtra la luce calda di maggio. Sa benissimo che la moglie lo sta aspettando però lui non ha completato quel pensiero che lo irrita. Non è ancora pronto ad affrontarla, di nuovo. Non vuole una festa per il loro anniversario,…

Leopard-Sole Amaro.2


Al risveglio lampò il misero piatto di zuppa schifosa, si stese sul pavimento duro e si coprì con un plaid liso e puzzolente. L’altro gli faceva da carceriere e non gli rivolse mai la parola. Non che gli dispiacesse. Quattro giorni di navigazione e il peschereccio attraccò al porto di Bengasi, il mercantile di Amedeo…

Mrs. Smith-10


«Quanti anni aveva?» il tè di Valeria scottava e sentì salirle il calore dallo stomaco. Prese un biscotto e come suo solito, ne morse metà e sbriciolò l’altra. «Lasciò l’America a diciassette anni, fuggiva dal patrigno e quando arrivò a Funalbia ne aveva venti. Ha scritto tutto lì, per i posteri» ironizzò. Una nuvola bianca…

Leopard-Sole Amaro.1


«Amici vostri?» disse Alex con le labbra all’ingiù e le braccia incrociate sul petto; non sembrava più tanto sicuro di sé. Si fece scudo con Farouk, le unghie rosicchiate strette fra i denti per non farli battere. La mandibola contratta e gli occhi piccoli, minacciosi, i due africani non avevano niente di amichevole. Alla vista…

Ambros-1


Il corridoio bianco ghiaccio illuminato dai faretti le sembrò più stretto del solito uscendo dall’ascensore. C’era uno strano silenzio: non avvertiva la stampante, le sedie scorrere, né lo squillo dei telefoni e la risposta formale del front office. Non individuò subito cosa provocasse in lei quella strana sensazione, ma trovava la scena insolita. Proseguì ticchettando…

Leopard – Scogli.6


Scese alla fermata della biblioteca, superò la bancarella verde degli arancini tutti in fila dal più grande al più piccolo, il profumo gli provocò un languorino allo stomaco e ripensò alla pasta alla norma che Annina aveva cucinato e che si era perso, passò oltre la bancarella delle cassatine e dei cannoli e la scia…

Bocca di Leone


Stefi soffiò una nuvola di vapore sul vetro e strofinò con l’ultima pagina rimasta del Carlino. Richiuse delicatamente senza lasciare ditate e soddisfatta si asciugò la fronte con il dorso della mano. L’odore di detersivo le irritò gli occhi, rimase immobile in attesa con la faccia accartocciata in una smorfia buffa, poi starnutì con un…

Mrs. Smith-9


Il pittoresco borgo di Funalbia si ergeva sul picco del colle, alle sue pendici era stato edificato un paesone di case brutte e grigie, un paesaggio desolante tagliato in due dalla statale. Superata l’ultima casa popolare, la strada si inerpicava stretta fra i pini marittimi che interrompevano a tratti il bagliore accecante in una giornata…

Atlantide oceano


Superate le cataratte il treno navigò tra i flutti, il suo sistema a gommoni sotto la carrozzeria che scorreva sui binari, gli permetteva di scivolare sull’acqua o di inabissarsi senza essere visto. La sagoma di una balena apparve a destra e a sinistra miriadi di delfini saltellavano per dargli il benvenuto. Le cascate immense e…

Leopard – Scogli.5


Leonardo nascose le lettere tra gli appunti della biblioteca, spostò gli oggetti Dogon trovati nella busta e li infilò nella tasca dello zaino, per ultimo incollò la busta sul retro del quaderno di francese. Uscì dal porto di Acireale e raggiunse la biblioteca. Timbrò la presenza, si aggiunse a Zoe che lo aspettava per studiare…