Corleone Tiburtino


La Golf si fermò davanti al Credito Tiburtino di via Perugia bloccando il traffico, il furgone della GLS si mise in coda e al momento giusto strombazzò mostrando il pugno. Dallo specchietto retrovisore il corriere vide quattro facce da Matrix restituirgli il saluto e scendere con tanto di cappotto lungo e stivali. Scattato il verde…

Mrs Smith – 1


Con gli stivali bagnati e i piedi gelati, Valeria arrancò nella neve per raggiungere la piazza illuminata dalle poche luci accese sotto un cielo cupo che minacciava di nuovo tempesta. Qualche fiocco scendeva placido e quasi scivolò tra lo scalino della fontana ghiacciata e la traccia delle ruote del carretto. Superò Domitilla che sbucciava le…

La Pano


Ricordo che la scuola non era ancora finita. Dovevamo essere a maggio, con le giornate già allungate e i primi giorni di sole caldo. Non si crepava come adesso. A maggio, nel 1985, le primavere erano diverse e comunque nell’adolescenza non si attaccava mai bottone dicendo “Non ci sono più le mezze stagioni”. Se l’altra…

Una Donna. Dicembre


Quant’era bello Trastevere con le luminarie, dopo la pioggia il luccichio mi mozzava il fiato, sentivo un pizzicore alla gola e gli occhi annacquati dal rimpianto. Poi è diventato tutto nero. Un gran figlio d’una mignotta ha sbattuto la mia testa contro il lampione e l’ha rimbalzata sul marciapiede. Una manica in tartan e le…

Lo scrittoio


L’anziana si piegò sui fogli, doveva finire. Sapeva che il tempo era contato, forse mancava solo un giro delle lancette brillanti dell’orologio più caro, quello appoggiato al suo scrittoio e comprato al mercatino dell’usato, vent’anni prima. Giulio si era lamentato dell’acquisto, uno spreco di soldi. “Siamo gente semplice e ignorante, che ci facciamo con un…

Frammenti


Quanti piccoli momenti ci sono in una giornata, li hai mai contati? Se provassi a scorporare le sedici ore che passi sveglio e le dividessi in frammenti, molti sarebbero opachi o incompleti come puzzle oppure ricchi di colori, suoni e profumi?Ci hai mai fatto caso? Ti fermi a raccoglierli la sera per non perderli o…

Nostalgia del Natale


Mila raggiunse trafelata la piazza con il suo nuovo zaino. Un mucchio di gente chiassosa gremiva l’ingresso della pista di ghiaccio. Superato il finto bosco che faceva da piedistallo all’abete splendidamente illuminato da migliaia di lucine bianche, si fece largo tra le persone avvolte nei loro pastrani e raggiunse Bea e Bella in fila al…

Una donna. Novembre


Ieri hanno suonato alla porta. Ero appena tornata dal lavoro e avevo solo voglia di immergermi in un bagno caldo. La signora Paola mi aveva fatto pulire tutte le serrande, sembravano bianco sporco e alla prima passata di spugna ho scoperto che erano solo sporche, di polvere e di anni. Ho spremuto la bottiglia del…

Visione


In cima alla salita di Strada Vecchia trovai il lampioncino di un secolo fa e un’esplosione di rose di tutti i colori davanti alla porta blu con il pomello di ottone. Bussai, non aveva il campanello. Non mi ero domandata come facesse a vivere senza luce. Il pensiero che potesse fare a meno delle comodità…

Una donna. Ottobre


Sapevo in fondo in fondo che non sarebbe durata. È stata la scusa per andarmene via da lì, da lui, dalla mia vita di sempre, monotona, insignificante. La rabbia, ecco cos’era. Mi faceva credere che ci sarei riuscita un giorno a trovare il coraggio di uscire e di non tornare più. Invece era come un…